Anche la “cicca” si può riciclare

“Abbiamo trovato un nuovo materiale in grado di trasformarsi in un gran numero di elementi: oggetti di design, stivali di gomma e sandali, telefoni cellulari, imballaggi e altro”. Parliamo di gomme da masticare che spesso inquinano parchi e marciapiedi, riempiono i banchi di scuola, le sedie, i pali della luce, e sono difficili da togliere e soprattutto da smaltire. Per ovviare a questo inconveniente, dall’Argentina arriva una novità che potrebbe ben presto raggiungere portata mondiale: si tratta di “Gum Point”, un’iniziativa ecologica promossa da una scuola di specializzazione dell’Università di San Andreas, portata avanti da 4 studenti che hanno a cuore la salute ambientale. Con i chewing-gum usati e raccolti in grandi quantità, sarà possibile realizzare prodotti tecnologici come tablet e smartphone e persino accessori come le scarpe.

Gum Point

I proprietari di GumPoint hanno spiegato la loro ingegnosa idea in un’intervista: “Gum Point ha basato la sua idea originale su un vero e proprio processo di riciclaggio a circuito chiuso. I nostri cestelli, in posizione strategica, permettono di intercettare la gomma prima che raggiunga il suolo, impedendo di danneggiare l’immagine della città e di diventare fonti di contaminazione.” Gum Point si avvale di bidoni chiamati Bins,di un rosa brillante, pertanto facilmente distinguibili nel paesaggio urbano, collocati strategicamente per le strade in modo da raccogliere le gomme di masticate usate. Anche  i Bins sono costruiti con materiale riciclato. Una volta che il bidone è pieno, un servizio specializzato ne raccoglie il contenuto e le gomme subiranno un processo di riciclaggio unico per produrre una vasta gamma di nuovi prodotti. La trasformazione della gomma per ottenere il prodotto finito comprende varie fasi: si va dalla raccolta allo stoccaggio, alla separazione dei rifiuti, pulizia e disinfezione, cernita e polverizzazione, essiccazione, estrusione e calandratura. Il risultato finale sono dei veri e propri pellet confezionati in sacchetti di plastica di 5 chili. Una soluzione semplice ad un problema quotidiano, nel pieno rispetto dell’ambiente. Con buone probabilità il progetto arriverà al grande pubblico nei primi del 2016.

 

Tratto da www.gumpoint.com

"Anche la “cicca” si può riciclare" ultima modifica: 21 Settembre, 2015 da Redazione VivereZen