Come creare uno spazio per la meditazione


Meditare per una ventina di minuti appena svegliati aiuta a vivere meglio e ad affrontare il resto della giornata. Creare uno spazio per la meditazione è facile quando si ha una casa molto grande, magari con un paio di stanze inutilizzate. L’impresa si fa ardua quando si hanno a disposizione solo pochi metri quadrati.

Con i giusti strumenti, nulla è impossibile.

Il paravento

Meditare a casa

I paraventi giapponesi si chiamano shoji e hanno un’impalcatura in legno che sostiene una delicata stoffa bianca. Sono leggeri, facili da spostare e garantiscono tutta l’intimità di cui hai bisogno. A seconda dell’esigenza del momento, li puoi riciclare anche per creare un piccolo guardaroba, dove cambiarti lontano da sguardi indiscreti.

Per creare il tuo spazio per la meditazione in poco spazio, scegli un posto luminoso e abbastanza libero. A seconda delle dimensioni del tuo angolo di ritiro, seleziona lo shoji più adatto. Ne esistono di dimensioni e colori diversi, adatti ad esigenze diverse.

Il tatami

I tatami pieghevoli ti consentono di meditare in comodità, senza che tu sia costretto a stare sul nudo pavimento. Sono inoltre facili da spostare e possono essere usati anche per andare in palestra. Una volta finito di meditare, ti basta piegarli e metterli via.

Desideri creare uno spazio per la meditazione fisso, nel quale ritirarti nel momento del bisogno? Vuoi creare un angolo dal sapore orientaleggiante, dove rilassarti e ricevere gli amici? In questo caso, opta per i tatami fissi. Esistono tatami con cornici in legno, tatami rialzati o set per coprire tutto il pavimento.

Consigli per gli acquisti!

Separé / Shoji in Legno: Shoji in carta di riso con cornice in legno nero.

Tatami pieghevole decorato

Tatami Pieghevoli Decorati: decorati con un elegante motivo di foglie.

zafu viverezen

Zafu e Zabuton: coloratissimi, sono i cuscini ideali per la meditazione.

L’angolo giusto

Meditazione

Shoji e tatami sono gli elementi chiave per creare uno spazio per la meditazione. L’ingrediente essenziale, però, è l’angolo giusto. Non importa che tu viva in un monolocale o in una villa: ciò che conta è che tu abbia un angolo che concili la meditazione.

L’angolo perfetto è luminoso e tranquillo, ben arieggiato. Scegli un posto vicino a una finestra e usa delle tende chiare per tenere fuori i rumori molesti. Se possibile, apri la finestra poco prima della meditazione, così da far cambiare l’aria e rendere l’atmosfera più leggera.

Stai lontano da confusione e tecnologia. Nel tuo angolo dev’essere ordinato, privo di televisioni e computer. Lascia il cellulare fuori dal tuo spazio: avrai tutta la giornata per messaggiare. Unica eccezione: una radiolina per riprodurre rumori rilassanti come il suono del vento o della pioggia.

"Come creare uno spazio per la meditazione" ultima modifica: 10 Luglio, 2020 da Redazione VivereZen