Il futon e la rivoluzione della pulizia


Risolto il peggior difetto dei materassi giapponesi, la manutenzione!

Il futon è un’ottima alternativa al materasso vero e proprio perché lo puoi usare ovunque, spostare velocemente e riporre in poco spazio, ma necessita di un’attenta manutenzione. L’umidità e gli odori della pelle, infatti, possono comprometterne la pulizia e, quindi, è necessario far areare il futon al sole per diverse ore ogni tre giorni circa; ammesso che ci sia, il sole.

Finora, la soluzione era una specie di piccolo phon che, però, andava spostato sul futon per asciugarlo completamente; e questo comportava un’enorme perdita di tempo.

5dc78392fc942546301422aff9e338730d4a3287bd2d4cdcc9pimgpsh_fullsize_distr

In Giappone, allora, terra natale del futon, ma anche paese frenetico per eccellenza, hanno inventato la soluzione ed arriva direttamente da Panasonic, uno dei colossi simbolo del paese del sol levante: il futon dryer, una specie di aeratore collegato ad una grande busta di plastica che si inserisce tra il materasso ed il tatami, asciugandolo completamente in meno di un’ora. E questo, diciamolo chiaramente, per gli amanti della cultura zen, è una vera e propria rivoluzione: in che altro modo definire, infatti, la possibilità di sfruttare i benefici del riposo secondo la formula giapponese, senza doverne subire gli svantaggi?

Finalmente lo possiamo dire: usate il futon, il materasso senza difetti.

"Il futon e la rivoluzione della pulizia" ultima modifica: 14 Settembre, 2016 da Redazione VivereZen

Tags: