Si chiama Ka-So, il Feng Shui made in Japan

Com’è noto, il Feng Shui è l’arte orientale dell’arredamento secondo i canoni armonici del benessere umano. Questa particolare disciplina nacque in Cina in epoca lontanissima e, recentemente, è stato osservato che già nel Neolitico le tombe erano concepite seguendo una disposizione e un metodo costruttivo ben precisi. Non molti sanno, però, che esiste una variante giapponese del Feng Shui, il Ka-S0.

Anche questa dottrina affonda le sue radici in tempi assai remoti e, nel 1983, alcuni studiosi della University of Illinois a Chicago hanno tradotto degli antichi testi in cui sono custoditi tutti i principi del Ka-So.

bab98fcb086ee73262d7c3bf3bc140b7

Tra spazio e tempo 

Il Ka-So mira a generare all’interno dell’abitazione un’armonia totale delle energie sottili che vi dimorano. Una variabile fondamentale è rappresentata dalla quarta dimensione, il tempo. Nel Ka-So la componente temporale si traduce nel periodo dell’anno o della stagione, pertanto la disposizione del letto o del futon all’interno dell’unità abitativa acquista una funzione diversa anche in base a questo fattore.

Lao Tzu, un saggio cinese vissuto nel VI secolo a.C. considerato uno dei padri fondatori del taoismo, sosteneva che “l’essenza della nave è il vuoto al suo interno“. Questa considerazione è stata ripresa anche dall’arte giapponese dell’abitare, in cui il design è immaginato al di là delle consuete tre dimensioni e come sublimazione del tempo, inteso anche come spazio vuoto. Per questo motivo le case giapponesi sono arredate con il minimo indispensabile, che si traduce nell’utilizzo del futon, del tatami e di pochi altri complementi.

a19f7fd7c1877e6232935774e0ba1929

L’armonia dell’abitare secondo il Feng Shui in Giappone è, inoltre, una perfetta sintonia tra l’ambiente immateriale che è contenuto nella casa e la natura che lo circonda: è proprio questo rapporto solidale che stabilisce le basi del Ka-So. Il letto e gli altri elementi sono subordinati allo spazio e non parti focali della stanza, come accade in Occidente.

Le influenze della cultura cinese

Sembra che il Ka-So sia il frutto delle nozioni importate in Giappone, negli ultimi decenni del VI secolo, da un monaco buddista itinerante. Da quel momento, anche la progettazione delle città cominciò a seguire degli schemi prestabiliti e furono istituiti dei veri e propri dipartimenti di supervisione dei progetti architettonici.  La stessa Kyoto (capitale del Giappone fino al 1868) fu pensata proprio secondo i principi del Ka-So.

Consigli per gli acquisti!

Un kit composto da futon e tatami offre la possibilità di spostare il proprio giaciglio secondo i dettami del Ka-So:

"Si chiama Ka-So, il Feng Shui made in Japan" ultima modifica: 29 Agosto, 2016 da Redazione VivereZen