La donna fantasma in Giappone, siate indecisi e salverete la vita.

Kuchisake Onna, tra le più ‘belle’ leggende metropolitane di Tokyo.

 

È una delle leggende più classiche della cultura horror giapponese ed è anche una delle più inquietanti: il fantasma di una donna che gira per le strade del Paese in cerca di giovani ragazzi soli e, poi, li uccide. Soltanto una bella storia degna di un buon film di genere, se non fosse che i cadaveri sono stati trovati veramente.

^F03E10EF4DEA9413FFE846B2520C45AD0B648F906DD3BD121A^pimgpsh_fullsize_distr

La modalità è sempre la stessa, talmente tanto uguale da essere quasi un rituale degno di un serial killer: “sono ancora bella?” questa è la domanda con cui avvicina i ragazzi. Se rispondi “no”, tira fuori un paio di forbici e ti va volare la testa. Se rispondi “sì”, invece, lei mostrerà il suo viso completamente sfigurato da un’enorme ed orribile bocca urlando: “E ora, sono ancora bella?”; a questo punto, bisogna ammetterlo, anche la persona più impassibile al mondo avrà una reazione e, dunque, spunteranno di nuovo le forbici.

^8E66B764701C9B7BD97280DEFC4A8705A7211218DF88D389EE^pimgpsh_fullsize_distr

Ok, è una leggenda, ma, come detto, qualche cadavere è stato trovato realmente e, quindi, una soluzione va trovata. Che fare, allora? Scappare, senza dubbio. Per farlo, però, serve tecnica: secondo quanto stabilito dagli esperti, infatti, l’unica cosa che spiazzerà Kuchisake Onna, questo il nome della donna fantasma, è il dubbio. Per questo motivo, alla domanda “Sono ancora bella?”, ci sarà solo una risposta possibile: “Così così”. Non sapendo come reagire, la donna si fermerà a pensare, concedendo al malcapitato il tempo per scappare.

Adesso c’è solo da aspettare che qualcuno possa testare la soluzione e poter raccontare la sua storia, da sopravvissuto.

"La donna fantasma in Giappone, siate indecisi e salverete la vita." ultima modifica: 17 Giugno, 2016 da Redazione VivereZen